Notizie di Intelligenza Artificiale Inclusiva in Tempo Reale: Innovazione e Accessibilità per Tutti

Tag: anthropic

Mappare la Mente di un Modello di Linguaggio di Grandi Dimensioni

Il 21 maggio 2024, Anthropic ha annunciato un avanzamento significativo nella comprensione del funzionamento interno dei modelli di intelligenza artificiale (IA). La ricerca si è concentrata su Claude Sonnet, uno dei modelli di linguaggio di grandi dimensioni attualmente in uso. Questo studio rappresenta il primo sguardo dettagliato all’interno di un modello di linguaggio moderno e di grado produttivo, con potenziali implicazioni per la sicurezza e l’affidabilità dei modelli di IA.

Mike Krieger, co-fondatore di Instagram si unira’ ad Anthropic

La startup di intelligenza artificiale Anthropic, concorrente diretta di OpenAI, sostenuta da Microsoft, ha annunciato mercoledì che Mike Krieger, co-fondatore di Instagram, si unirà all’azienda come Chief Product Officer.

Anthropic Prompt Generator: uno strumento per creare prompt efficaci per Claude AI

Anthropic, azienda di ricerca e sicurezza sull’intelligenza artificiale, ha recentemente rilasciato un nuovo strumento chiamato Prompt Generator. Questo strumento online gratuito aiuta gli utenti a creare prompt efficaci per Claude, il loro modello linguistico di grandi dimensioni (LLM) conversazionale.

Anthropic svela l’app iOS

Anthropic ha dichiarato mercoledì che lancerà un’app iOS e anche nche un nuovo piano pensato per condividere l’accesso ai suoi modelli IA.

L’ app Claude per iOS sarà disponibile gratuitamente per il download e offrirà la stessa esperienza vista sul Web mobile, inclusa la sincronizzazione della cronologia chat e il supporto per scattare e caricare foto, ha affermato Anthropic in un post sul blog .

Prima del lancio dell’app iOS, Claude era disponibile solo su Claude.ai e servizi cloud come Amazon Bedrock , Microsoft Azure e altri.

In confronto, ChatGPT, creata da OpenAI sostenuta da Microsoft, ha lanciato la sua app iOS nel maggio 2023. Un’app Android è stata lanciata a luglio. Google ha presentato le sue app Gemini iOS e Android a febbraio.

Oltre all’app iOS, Anthropic ha presentato un piano Team per le aziende, offrendo alle aziende l’accesso ai modelli Claude. È previsto un minimo di cinque posti, con un costo di $ 30 per posto al mese.

Anthropic ha presentato il suo primo livello a pagamento per Claude, il piano Pro, a settembre a $ 20 al mese.

Anthropic ha dichiarato che nelle prossime settimane rilascerà ulteriori funzionalità di collaborazione, tra cui citazioni da fonti affidabili per verificare le affermazioni generate dall’IA, integrazioni con archivi di dati come basi di codice o CRM e iterazione con i colleghi su documenti o progetti generati dall’IA.

A dicembre è stato riferito che Anthropic si aspettava un tasso di entrate annualizzate di oltre 850 milioni di dollari entro la fine del 2024.

Amazon ha rivelato a marzo di aver effettuato un ulteriore investimento di 2,75 miliardi di dollari in Anthropic, portando il suo investimento totale nella società a 4 miliardi di dollari. L’investimento darà ad Amazon una quota di minoranza in Anthropic ma senza un posto nel consiglio di amministrazione. Anthropic è stato valutato l’ultima volta a 18,4 miliardi di dollari, secondo la CNBC.

Amazon ha effettuato un investimento di 1,25 miliardi di dollari a settembre in Anthropic, con resoconti dei media che all’epoca affermavano che Amazon avrebbe potuto investire fino a 4 miliardi di dollari in Anthropic con sede a San Francisco.

Amazon investe ulteriori 2,75 miliardi in Anthropic, portando il suo investimento nella società a 4 miliardi di dollari


Mercoledì, Amazon ha annunciato un ulteriore investimento di 2,75 miliardi di dollari nella startup di intelligenza artificiale generativa, Anthropic, portando il suo investimento totale nella società a 4 miliardi di dollari. .

Anthropic è il creatore di Claude, un chatbot alimentato da intelligenza artificiale generativa, che concorre con ChatGPT di OpenAI. Questo investimento rappresenta il più grande investimento esterno mai effettuato da Amazon , dopo un precedente investimento di 1,3 miliardi di dollari nel produttore di veicoli elettrici Rivian .

Secondo una nota di Amazon, il lavoro con Anthropic per portare le più avanzate tecnologie di Intelligenza Artificiale generativa ai clienti di tutto il mondo è appena all’inizio.

Come parte di un accordo di collaborazione strategica, Amazon e Anthropic hanno annunciato che Anthropic utilizzerà Amazon Web Services come principale fornitore di servizi cloud per carichi di lavoro mission-critical, inclusa la ricerca sulla sicurezza e lo sviluppo di futuri modelli di base.

L’investimento garantirà ad Amazon una quota di minoranza in Anthropic, tuttavia, non otterrà un posto nel consiglio di amministrazione. La valutazione più recente di Anthropic si aggira intorno a 18,4 miliardi di dollari, secondo quanto riportato da CNBC.

Questo investimento fa seguito a un precedente investimento di 1,25 miliardi di dollari effettuato da Amazon nel mese di settembre in Anthropic. In quel momento, si era speculato che Amazon potesse investire fino a 4 miliardi di dollari in una startup di intelligenza artificiale con sede a San Francisco, cosa che poi è effettivamente avvenuta.

Oltre ad Amazon, anche Google e Salesforce figurano tra i sostenitori di Anthropic, riconoscendo il potenziale di questa startup nel campo dell’intelligenza artificiale generativa.

“Il re è morto”, ha twittato lo sviluppatore di software Nick Dobos in un post che confrontava GPT-4 Turbo e Claude 3 Opus che ha fatto il giro dei social media. “RIP GPT-4”

Anthropic, startup di intelligenza artificiale sostenuta da Amazon , ha annunciato il 4 Marzo la sua ultima generazione di Claude, un chatbot con intelligenza artificiale generativa che compete con Gemini di Google e ChatGPT di OpenAI.

Questo include Claude 3 Haiku, Claude 3 Sonnet e Claude 3 Opus. Questi tre modelli aumentano in capacità e costi. Haiku sarà il primo disponibile, ma non è stata rivelata alcuna data precisa.

Opus, il nostro modello più intelligente, supera i suoi pari sulla maggior parte dei parametri di valutazione comuni per i sistemi di intelligenza artificiale, tra cui la conoscenza degli esperti a livello universitario, il ragionamento degli esperti a livello universitario, la matematica di base e altro ancora“, ha spiegato Anthropic. “Mostra livelli quasi umani di comprensione e fluidità in compiti complessi, portando la frontiera dell’intelligenza generale“.

Anthropic ha affermato che il ragionamento a livello di laurea di Opus è superiore del 30% rispetto al rivale GPT-4. I potenziali usi della tecnologia includono l’automazione delle attività, la ricerca e sviluppo e la strategia.

Martedì, il modello linguistico di grandi dimensioni (LLM) Claude 3 Opus di Anthropic ha superato per la prima volta il GPT-4 di OpenAI (che alimenta ChatGPT) su Chatbot Arena , una popolare classifica in crowdsourcing utilizzata dai ricercatori di intelligenza artificiale per valutare le capacità relative dei modelli linguistici di intelligenza artificiale. 

Chatbot Arena presenta a un utente che visita il sito Web una casella di input della chat e due finestre che mostrano l’output di due LLM senza etichetta. Il compito dell’utente è valutare quale output è migliore in base ai criteri che l’utente ritiene più idonei. Attraverso migliaia di questi confronti soggettivi, Chatbot Arena calcola i modelli “migliori” in aggregato e popola la classifica, aggiornandola nel tempo.

Chatbot Arena è gestita da Large Model Systems Organization (LMSYS ORG), un’organizzazione di ricerca dedicata ai modelli aperti che opera come collaborazione tra studenti e docenti dell’Università della California, Berkeley, UC San Diego e Carnegie Mellon University.

Da quando GPT-4 è stato incluso nella Chatbot Arena intorno al 10 maggio 2023 (la classifica è stata lanciata il 3 maggio di quell’anno), le variazioni di GPT-4 sono state costantemente in cima alla classifica fino ad ora, quindi la sua sconfitta nell’Arena è un momento notevole nella storia relativamente breve dei modelli linguistici dell’intelligenza artificiale. Anche uno dei modelli più piccoli di Anthropic, Haiku, ha fatto girare la testa con le sue prestazioni in classifica.

Per il mio background abbiamo testato le capacità visive di Claude con dei semplici Test.

I modelli Claude 3 hanno sofisticate capacità visive alla pari di altri modelli leader. Possono elaborare un’ampia gamma di formati visivi, tra cui foto, diagrammi, grafici e diagrammi tecnici. 

Credetemi un paio di anni fa questo era Fantascienza… avere un Tool del genere a disposizione.

La visione di Claude è ancora un lavoro in corso con alcune imitazioni , di cui alcune sono di default.

Claude non può essere utilizzato per identificare le persone nelle immagini e si rifiuterà di farlo, può avere allucinazioni o commettere errori durante l’interpretazione di immagini di bassa qualità, ruotate o molto piccole sotto i 200 pixel, difficoltà con attività che richiedono localizzazione o layout precisi, come leggere il quadrante di un orologio analogico, può fornire un conteggio approssimativo degli oggetti in un’immagine, Claude non sa se un’immagine è generata dall’intelligenza artificiale e potrebbe essere errata se richiesto. Claude non elaborerà immagini inappropriate o esplicite che violano la loro politica di utilizzo accettabile, non è progettato per interpretare scansioni diagnostiche complesse come TC o risonanza magnetica. 

Claude 3 propone una serie di modelli multimodali sviluppati da Anthropic. Puoi porre domande a Claude 3 nel testo e fornire una o più immagini come contesto.

Abbiamo riscontrato che Claude 3 Opus, il miglior modello disponibile, si comporta bene in alcuni compiti secondo i nostri test limitati. Abbiamo riscontrato successo nella risposta visiva alle domande. 

Il modello ha superato una delle due richieste di risposta alle domande sui documenti, ha osservato in una che la riproduzione del testo dell’immagine “probabilmente costituirebbe una violazione del copyright”. 

Anthropic non voleva sapere che la persona che ha suggerito il modello aveva tutti i diritti d’autore sul testo e ha letto con successo il testo su uno pneumatico come parte del nostro test OCR.

Detto questo, il modello fatica su altri compiti. Claude 3, come la maggior parte dei modelli multimodali, non è in grado di localizzare gli oggetti in un test di rilevamento degli oggetti. Il modello ha risposto correttamente a una domanda visiva (il film presentato in un’immagine)

e ha fallito in un’altra (conteggio della valuta).

A differenza della maggior parte dei modelli, tuttavia, si rifiutava di eseguire l’OCR sul testo in cui veniva menzionato il nome di una celebrità per motivi di copyright, nonostante il copyright fosse di proprietà dell’autore del contenuto.

Parliamo di quanto costa oggi :

Prezzi :

  • Claude Instant: $2.40/ Million Tokens
  • Claude 2.0: $24/ Million Tokens
  • Claude 2.1: $24/ Million Tokens
  • Claude Pro: $20/ Month

Comparato a :

  • Chat-GPT: $20/ Month
  • Gemini: $19.99/ Month
  • Grok: $16.99/ Month

La FTC indaga sui legami tra le big tech e le start-up dell’Intelligenza Artificiale

La Federal Trade Commission, l’antitrust americana ha aperto un’indagine sui rapporti tra le principali startup di Intelligenza Artificiale e i big del settore tech. L’obiettivo è quello di valutare se dietro le partnership e gli investimenti ci siano accordi potenzialmente in grado di minare la concorrenza o consentire un accesso privilegiato alle applicazioni di AI a scapito del mercato.

La stessa FTC ha dichiarato di aver emesso degli ordini obbligatori nei confronti di cinque aziende – Amazon, Google, Microsoft, OpenAI e Anthropic – chiedendo di fornire informazioni dettagliate su investimenti e partnership.

Il rapporto tra Microsoft con OpenAI è abbastanza noto e anche se l’azienda di Redmond non ha mai rivelato pubblicamente l’importo totale dell’investimento in OpenAI, si parla di una grandezza di circa 10 miliardi di dollari. Nell’ambito di questo accordo, Microsoft si sarebbe impegnata ad offrire la potenza di calcolo necessaria per addestrare i modelli di AI su enormi quantità di dati e avrebbe avuto in cambio i diritti esclusivi di sfruttamento di ciò che OpenAI avrebbe realizzato, consentendo alla tecnologia di essere inserita nei prodotti Microsoft.

Peraltro, anche Google e Amazon hanno recentemente concluso accordi multimiliardari con Anthropic, un’altra startup di Intelligenza Artificiale con sede a San Francisco e formata da ex dirigenti di OpenAI.

Anche l’Autorità britannica per la concorrenza e i mercati sta esaminando gli accordi e la stessa Commissione Europea ha avviato una verifica sull’investimento di Microsoft e OpenAI ai sensi del regolamento Ue sulle concentrazioni. La vicepresidente della Commissione Ue, Margrethe Vestager, che ha la delega alla concorrenza, ha dichiarato in proposito che è fondamentale che i nuovi mercati rappresentati dall’Intelligenza Artificiale generativa e il virtuale rimangano competitivi e che nulla possa ostacolare l’accesso alle risorse da parte di tutte le aziende garantendo che le nuove tecnologie vadano a beneficio dei cittadini e non di singole aziende.

Va detto, peraltro, che l’indagine aperta dalla Commissione Europea non riguarda solo Microsoft e OpenAI quanto, più in generale, eventuali accordi chiusi dalle big tech con i fornitori di AI generativa, con l’obiettivo di valutare se e come queste partnesrship possano impattare sulle dinamiche di mercato.

L’UE è stata la prima nel mondo a cercare di legiferare l’Intelligenza Artificiale con l’AI Act in attesa di approvazione definitiva da parte del Parlamento Europeo. Del resto, questa nuova tecnologia ha la potenzialità di rivoluzionare l’economia e il mondo del lavoro, presentando anche delle sfide di tipo etico per l’umanità sulle quali si è pronunciato anche recentemente Papa Francesco, sottolineando la necessità di adottare dei modelli di regolamentazione etica per arginare eventuali risvolti dannosi e discriminatori, socialmente ingiusti, dei sistemi di Intelligenza Artificiale.

CC BY-NC-SA 4.0 DEED | Disclaimer Contenuti | Informativa Privacy | Informativa sui Cookie